Gli "Ospiti" della Sala Macchine


Home Page | Commenti | Articoli | Faq | Documenti | Ricerca | Archivio | Storie dalla Sala Macchine | Contribuire | Login/Register
Nota: i miei commenti (quando ci sono) sono in italico

Machomocho

Dupo un lungo periodo di calma apparente, in attesa di una immensa riorganizzazione aziendale, decido di prendermi un attimo di pausa. Ad acuire il mio stato di nevrosi il fatto che sotto casa mia, l'architetto che ha progettato i nuovi orrendi marciapiedi, ha deciso bene di restringere la corsia di destra con il risultato che la mattina le macchine arrivano su tre corsie, inchiodano sotto al mio portone perche' manca mezza corsia, suonano il clacson e ripartono sgommando... tutte le mattine che ha fatto iddio!

Alche', dopo lunghi ripensamenti, compro $grande_libro_fantasy, prendo ferie e parto DA SOLO per andare nel mio buco in montagna fino a quando l'ultima pagina del libro non sia stata letta.

Dopo il REALE ed indescrivibile riposo estatico al quale mi sono sottoposto, faccio dunque ritorno in citta': passo una notte relativamente tranquilla ed alla mattina mi predispongo per una nuova giornata di lavoro.

Torno in ufficio e trovo:

Sconcertato chiedo spiegazioni ed inizia il racconto:

Alla sera il collega BOBO fa il giro di ricognizione per le sale macchine, a spasso per il palazzo. Giunto al quarto piano si avvede che uno strano rumore, come di fonte montana d'alta quota, proviene dalla sala 4A. Entrando nella sala, senza accendere la luce, un suono simile ad un "ciaf ciaf ciaf" accompagna i suoi passi. Accesa la luce - con un interruttore bagnato - BOBO nota quindi di avere i piedi nell'acqua e che il soffitto e' completamente zuppo.

Prende dunque il telefono e chiama il centro sicurezza (presumo) avvisando del problema; successivamente avvisa anche THE_BOSS ma non trova acceso il telefono di nessuno degli altri colleghi che non hanno nemmeno iniziato, vista l'ora, ad affrontare il traffico verso l'ufficio. Sono le 21 e bobo e' li per caso.

Preso EVIDENTEMENTE dal panico cieco, BOBO prende dei cartoni, li svuota dei cavi avanzati dal montaggio dei server, e li sistema stesi sul pavimento della sala. Nel contempo BOBO non considera che l'impianto elettrico e' attaccato a 3 gruppi di continuita' industriali (raddrizzatori/alternatori) connessi a loro volta a 2 generatori a gasolio da 8000 cv; non considera che l'acqua attualmente sta colando lungo la canalina di plastica che porta la 380 (in continuita') fino al quadro di alimentazione della sala macchine; non considera evidentemente che ha una famiglia e che i suoi piedi sono nell'acqua.

Dopo aver sistemato al meglio la situazione BOBO attende i soccorsi, che pero' non arrivano. Inizia cosi' la notte che BOBO passa a fare la guardia alla sala macchine con i cartoni ISO626. Al mattino dopo arriva infine l'addetto alla manutenzione che chiude l'acqua all'impianto di condizionamento e BOBO va al bar. Mi sembra logico, no?

BOBO si presenta al bar vicino all'ufficio - magnanimo dispensatore di caffeina per tutti noi reietti della sala macchine - ed alle 0650 del mattino ha il coraggio di chiedere in prestito il Mocho Vileda con tanto di secchio strizzatore.

Ora, voi penserete che io sia impazzito, ma stiamo parlando di un collega - peraltro tutt'altro che Luser - che una sera si e' dimenticato di tornare a casa e se n'e' accorto alle 3 di notte. Un abitue' diciamo!

Data la premessa direi che non c'e' nulla di strano in cio' che ho raccontato, se non che a quel punto BOBO torna in sala macchine e, con l'aiuto del Mocho, inizia ad asciugare per terra. Non so se rendo!??! Immaginate Acqua che gronda, canalina della 380 AC ed un uomo (Sistemista, quindi ben piu' che un uomo normale) con le maniche rimboccate che asciuga i pavimenti con un Mocho Vileda preso in prestito in un bar di prima mattina!

Quando sono arrivato, BOBO stava uscendo per tornare a casa a godere del suo riposo compensativo per la nottata trascorsa in sala macchine. Adesso ho una sola domanda per voi: non potevo comprarne due di meledettissimi $grande_libro_fantasy ?

Giovanni R.
19/05/2006 00:00

Precedente elenco Successivo

le storie degli ospiti sono in ordine sparso, quindi 'precedente' e 'successiva' possono portare su storie di altri autori

I commenti sono aggiunti quando e soprattutto se ho il tempo di guardarli (io o l'autore della storia) e dopo aver eliminato le cagate, spam, tentativi di phishing et similia. Quindi non trattenete il respiro.

In aggiunta: se il vostro commento non viene pubblicato non scrivetemi al riguardo, evidentemente non era degno di pubblicazione.

Nessun messaggio this document does not accept new posts

Precedente elenco Successivo


Il presente sito e' frutto del sudore della mia fronte (e delle mie dita), se siete interessati a ripubblicare uno degli articoli, documenti o qualunque altra cosa presente in questo sito per cortesia datemene comunicazione (o all'autore dell'articolo se non sono io), cosi' il giorno che faccio delle aggiunte potro' avvisarvi e magari mandarvi il testo aggiornato.


Questo sito era composto con VIM, ora e' composto con VIM ed il famosissimo CMS FdT.

Questo sito non e' ottimizzato per la visione con nessun browser particolare, ne' richiede l'uso di font particolari o risoluzioni speciali. Siete liberi di vederlo come vi pare e piace, o come disse qualcuno: "Finalmente uno dei POCHI siti che ancora funzionano con IE5 dentro Windows 3.1".

Web Interoperability Pleadge Support This Project
Powered By Gort