Commenti & Opinioni


Home Page | Commenti | Articoli | Faq | Documenti | Ricerca | Archivio | Storie dalla Sala Macchine | Contribuire | Login/Register

Iron Pan - The Revenge

Riprendo qui' il discorso iniziato con il mio commento precedente che ha scatenato una bella lista di commenti e ne approfitto per chiarificare un attimo la mia posizione e rispondere ad alcuni dei commenti che sono arrivati ma che richiedono una certa esposizione. Ma prima di cominciare, permettetemi di stabilire un paio di cose: Premessa: nel seguito mi riferisco allo "show" per intendere un qualunque lavoro, non solo cinematico ma anche letterario, perche' si applica anche alla letteratura, e lo "spettatore" e' indifferentemente chi guarda il prodotto o che lo legge. E l'autore e' chiunque abbia fatto la cosa, sia esso lo scrittore, il regista, il produttore eccetera. Ok?

Stanga - 08/02/2010 16:16
quale parte di "è tratto da un fumetto non è chiara"... Personalmente ritengo prive di fondamento le critiche ad un qualunque film di fantascienza... si chiama così apposta...

Alberto Mischi - 08/02/2010 19:06
Iron Man = fumetto = storia di fantasia dove accade di tutto e di più andando contro le leggi della fisica ed ogni qualsivoglia concetto "normale".

Comincio con il dire che tutti i lavori di fantasia e di finzione sono, per definizione, "fantastici", ma devono in ogni caso seguire certe regole e certi canoni. Il termine stesso "fantascienza" lo dice. E' composto da due termini "fanta" e "scienza". La parte "fantastica" e' quella che consente di aggiungere elementi che sono per definizione impossibili o irrealizzabili (al momento o in assoluto), la parte "scientifica" fornisce le basi che ci consentono di far "funzionare" l'universo cosi' costruito e ci forniscono un collegamento con tale universo.

L'accettazione delle regole (esplicite o implicite) dell'universo che ci viene presentato ci consente di "sospendere la nostra incredulita'" e quindi di seguire la vicenda. Questa volotaria sospensione di incredulita' e' necessaria se vogliamo in effetti seguire la storia. E funziona fino a che l'universo che ci viene presentato, per quanto incredibile e pieno di elementi fantastici, rimane coerente con se stesso. Il problema e' mantenere la coerenza.

Spiego meglio con qualche esempio: In Harry Potter la magia e' possibile, come sono possibili anche le creature fantastiche (draghi, elfi etc), tuttavia, ci sono certe convenzioni implicitamente stabilite. Come il fatto che i maghi usano la magia. Se ad un certo momento Voldemort tirasse fuori una pistola e sparasse a qualcuno invece di tirare fuori una bacchetta magica, tutti quanti griderebbero allo scandalo. Allo stesso modo, se in The Lord Of The Ring improvvisamente arrivasse un'astronave sembrerebbe come minimo fuori posto. In The Lord Of The Ring ci sono Troll, Gnomi, Elfi e chi piu' ne ha piu' ne metta, ma un troll o uno gnomo o un qualsiasi cosa crepa se gli pianti una spada nelle budella, la spada stessa e' (in genere) fatta di metallo, gli esseri umani devono mangiare eccetera eccetera. Anche avendo parecchi elementi fantastici ci sono delle regole di base che ci consentono di capire come funziona quell'universo. In Star Trek ci sono astronavi che sono in grado di spostarsi piu' velocemente della luce, alieni e cosi' via. Ma gli esseri umani hanno sempre bisogno di una astronave (aka: un mezzo di trasporto) per spostarsi da un pianeta all'altro. E per quanto la loro teconologia sia avanzata non e' magia.

I vari lavori possono essere catalogati a seconda di quanto siano "fantastici" e quanto siano "scientifici". In molti casi ci si riferisce alla "scala di Mohs" per giudicarne la 'durezza'. Ad un estremo della scala abbiamo cose come Aladino e la lampada magica, dove i riferimenti reali sono ben pochi mentre all'altro estremo abbiamo cose come 2001, Outland o anche Alien dove, a parte l'ambientazione, quasi tutto segue precise leggi fisiche che sono facilmente comprensibili.

A volte l'autore/regista decide che un certo realismo puo' essere sacrificato a vantaggio dello spettacolo o per mantenere certe convenzioni che gli spettatori oramai si aspettano, per cui anche in certi lavori che sono abbastanza "duri" abbiamo cose come raggi laser visibili o rumori nello spazio.

Il problema capita (per me) quando il lavoro comincia con un setting abbastanza "duro" che mi predispone in un certo modo e poi, all'improvviso, tira fuori cose che non hanno senso.

Riprendiamo l'esempio di Iron Man. Il film inizia con la guerra in Afghanistan, per cui e' come se appendesse un enorme cartello che dice "tempo presente, questo mondo", quindi, implicitamente, mi dice che le leggi fisiche che regolano quel mondo sono le stesse che regolano questo mondo. Poi aggiunge l'elemento "genio tecnologico" per giustificare gli svolgimenti. E mi sta bene. Ma e' comunque un "setting" abbastanza "duro". Stark (per quanto mi stia sulle balle il personaggio) non costruisce la sua armatura con le arti magiche, e' ben chiaro che utilizza macchine a controllo numerico, sofisticate quanto vuoi, ma tutta roba esistente e fattibile. Tecnologia avanzata quanto ti pare ma sempre molto "reale". Percui quando di colpo passa da Mach 2 a zero in tempo zero il piccolo scienziato nella mia testa si ribella.

Adriano - posted 08/02/2010 22:19
Puoi tranquillamente ignorare le regole della fisica (è quello che succede in ogni racconto in cui esiste la magia) ma devi essere consistente. Il tuo universo interno deve essere consistente per mantenere la credulità del lettore.

Appunto. Il problema in genere salta fuori quando l'autore, per aumentare la suspance o altri motivi, finisce con il chiudere il protagonista o un altro personaggio in un angolo senza alcuna via d'uscita. In genere quello che succede e' che l'autore tira fuori la soluzione in un modo che riduce in briciole i canoni seguiti fino a quel momento, oppure introduce qualche cosa che e' anche in canone con l'ambiente imposto ma ha lo stesso effetto sulla storia che un piede di porco ben maneggiato ha sulle ginocchia di qualcuno.

Esempio idiota, riprendiamo Harry Potter. Ad un certo punto non mi ricordo in quale storia (devo confessare che io di libri ne ho letto solo uno e di film ne ho visto solo uno) viene introdotto un "coso" che (sempre per effetto di magia) consente al protagonista di ritornare indietro nel tempo e di "sistemare" gli avvenimenti. Hummm... Ok... Allora, il viaggio nel tempo e' possibile. Hei! Che ne dici se ritorniamo indietro nel tempo di 24 o 25 anni e prendiamo a calci in culo Voldemort PRIMA che ammazzi i tuoi genitori, eh?

Anche in questo caso comunque, dipende tutto da come la storia ci viene presentata. Per esempio, in una parodia di Mel Brooks nessuno si sorprende di niente. Quando i "cattivi" catturano i buoni in Balle Spaziali nessuno si sorprende quando si scopre che in realta' sono le controfigure mentre i 'veri' buoni sono scappati. Quando in Robin Hood il cieco afferra al volo la freccia che avrebbe dovuto uccidere Robin nessuno si stupisce, nemmeno quando il cieco si guarda attorno domandando chi ha parlato... Ma quello e' Mel Brooks!

Golan Trevize - 09/02/2010 09:00
Ovviamente nell'armatura sono inclusi gli ammortizzatori inerziali dell'Enterprise

Se li avesse menzionati prima, anche di passaggio, avrebbe giustificato la cosa e sarebbe apparsa meno assurda. Ma a questo punto abbiamo il problema di prima: aggiungere un qualunque dispositivo che viola le leggi della fisica in una maniera talmente palese renderebbe l'intera storia piuttosto fragile... se hai gli "smorzatori inerziali" perche' non un "campo di forza"? Allora a che ti serve una armatura?

Daniele C. - 08/02/2010 17:07
Questo, in un certo senso, è perfettamente nell'American Style: il tipo "Salvo il mondo infrangendo le regole".

Ti consiglio di vedere Hanckock, dove il supereroe non e' che sia un gran che 'amato'...

miro - 09/02/2010 14:09
l'importante è che la storia tenga: ci vuole un buon plot, una buona narrazione Soltanto così il nostro cervello non pensa alla ca##ate, e può continuare a bersi la storia.

Una buona storia ed una buona narrazione servono a far passare quello che sarebbe un ovvio buco in un semplice momento del frigorifero, il che e' sempre meglio che niente ma non basta. Non per me almeno. Adriano - 08/02/2010 19:32
Friends don't let friends link to tvtropes.org. That way lies madness.

Il vantaggio di linkare TvTropes e' che una volta di la' ci passerete delle ore ed eviterete di coprirmi di commenti.

Davide Bianchi
13/02/2010 10:30

 

I commenti sono aggiunti quando e soprattutto se ho il tempo di guardarli e dopo aver eliminato le cagate, spam, tentativi di phishing et similia. Quindi non trattenete il respiro.

20 messaggi this document does not accept new posts
Cobra78Non concordo solo.... Di Cobra78 - postato il 09/02/2010 23:50
....sull'uso del termine "Fantascienza", in quanto chi è fan di Star Trek e conosce i retroscena (ammetto di non essere così esperto, ma sta cosa mi è rimasta impressa) intende Fantascienza come "Le meraviglie del possibile", Star trek è basato tutto su tecnologia futuristica, ma possibile, celeberrima è la battuta sul teletrasporto.
Dall'altro lato c'è il Fantasy come Star Wars, prima trilogia inclusa, che è Fantasia su cose non possibili.

Spero ora di non scatenare il flame Star Wars Vs Star Trek.

--
Prendi la vita al minuto, non all'ingrosso.
Sogna come se dovessi vivere per sempre; vivi come se dovessi morire
oggi.


Anonymous cowardo sono io .... Di Anonymous coward - postato il 10/02/2010 01:56

troppo cresciuto , o siete voi troppo bambini ... invocare Alien o Star Trek come esempi di buoni film di fantascienza è un bell'azzardo. Films o TV fiction in cui prima o poi , spesso e volentieri si santifica la superiorità degli USA rispetto al resto del mondo e si rinnega la validità della scienza rispetto all' "essere umani" , il che non è sbagliato molte volte , specie di fronte a certi eccessi ma non nei toni e nei modi proposti in queste "magnifiche opere" , non sono degne di essere definite opere di fantascienza.

Alien ad esempio : il primo episodio della serie è palesemente contro l'esplorazione dell'ignoto , contro gli androidi , contro le multinazionali brutte e cattive, atto a scatenare le reazioni dell'inconscio piuttosto che a ragionare sulla plausibilità della storia. Nel secondo episodio il pianeta maledetto è stato nel frattempo colonizzato , i coloni sono stati sterminati dalla specie aliena e i marines vengono inviati in loro soccorso in palese ritardo , ma in realtà per catturare uno o più elementi della specie aliena per questioni di studio o peggio per ospitarli dato che oramai i colini erano tutti defunti.

La novità è che gli androidi vengono redenti : Bishop ora è un buono.

Infine la determinazione di Reeply , amplificata dal suo neonato spirito materno nei confronti della sua bimba "adottata" , sconfigge il mostro cattivo , anch'essa madre in ira - Reeply ha appena finito di distruggere tutte le sue uova e le sue operaie ( Avete notato che la società degli alieni è strutturata come le api o le formiche ? )

Nel terzo episodio ritorna lo spirito originario del primo , ma in un ambiente che ruota intorno alla situazione e ai personaggi di un braccio della morte, in cui sono confinati i rifuiti della società. L'estremo sacrificio è stigmatizzato come ultimo e unico mezzo per impedire alla multinazionale brutta e cattiva di mettere le mani sull'alieno ( vi ricorda qualcosa l'estremo sacrificio ? )

Nel quarto episodio apertamente contro la clonazione , vengono fatte otto copie di Reeply e del suo ospite ( una sola copia buona , umanoide con alcune caratteristiche della specie aliena che ospita la regina e sette mostri deformi ) , la regina riceve qualcosa anche da Reeply ereditando un sistema riproduttivo umano che si manifesta dopo un po' di tempo - nella seconda metà del film , una catena di eventi temporale tanto bizzarra quanto fermamente ispirata dalla piena consapevolezza di non sapere cosa ca**o scrivere nella sceneggiatura - da cui nasce un ibrido alieno-umanoide che non riconosce come madre la regina , ma Reeply stessa ( il tema della maternità di nuovo dentro ).

Inoltre i militari non sono più validi e coraggiosi : al presentarsi del pericolo , essi evacuano e abbandonano la nave , qualcuno muore da idiota ( il comandante ) e i mercenari-terroristi risultano essere più efficaci.

Gli androidi vengono spudoratamente santificati e alla fine il "figliuol prodigo", il diverso , l'ibrido , il violento viene ridotto letteralmente in brandelli.

Finale di pochi secondi per dire quanto è bella la Terra che l'equipaggio si appresta ad andare ad abitare da extra-terrestri.

Star Trek è un filone migliore per tematiche ma non per fantascienza : lo stesso autore ( Gene Rodenberry , ex pilota di bombardieri della seconda guerra mondiale ) durante la celebrazione dei trent'anni dalla trasmisione del primo episodio , alla domanda di come avesse potuto pensare al teletrasporto , candidamente risponde che era un modo immediato, veloce ed economico ( il modellino dell'Enterprise è uniforme , non ha hangars , non si dovevano prevedere riprese dallo hangar navette e dalle navette ) per mandare su e giù membri del personale, ospiti , etc ...


D'altro canto la coerenza scientifica e le tematiche trattate ( ad esempio , sulle scorie nucleari ) in Spazio 1999 sono più attinenti alla definizione di fantascienza.

Ad esempio , identificare le radiazioni con il rosso - rappresentazione ripresa anche da alcuni fumetti e cartoni animati degli anni '50 - non ha nulla a che fare con la politica ( lol ) , ma è la rappresentazione di un effetto collaterale che si manifesta sugli oggetti , sui materiali quando esposti per lungo tempo a significative quantità di radiazioni ionizzanti. Ad Hiroshima e Nagasaki vi sono ancora dei pezzi delle vecchie città che lo testimoniano ( all'aperto o nei musei ) : a Cernobyl c'è un'intera area di 30 Km di raggio a testimoniare ciò : la foresta rossa è un esempio http://it.wikipedia.org/wiki/Foresta_Rossa ; ci sono un sacco di filmati anche su YouTube e moltissimo altro materiale , anche sul sito dell'IAEA.

Credetemi , la scienza applicata , i dati prodotti dalla scienza sono molto più interessanti e sorprendenti di certe str****te hollywodiane che vengono definite "fantascienza".

--
Anonymous coward


Andrea Ballarati@ Anonymous coward Di Andrea Ballarati - postato il 10/02/2010 12:36

> o sono io troppo cresciuto , o siete voi troppo bambini ...

C'è qualcosa nella frase che non mi garba...

--
Andrea Ballarati


Cobra78@Anonymus Coward Di Cobra78 - postato il 10/02/2010 10:51

La abttuta su Star Trek che citavo è proprio quella in cui Rodenberry ammette che sul discorso "Fantascienza" hanno un tantino esagerato, al che gli viene risposto scherzosamente da "non ricordo chi porca paletta" ill' be working on it!

Alien è un altro paio di maniche.

Poi certo probabilmente tutte giuste le considerazioni sui significati intriseci degli avvenimenti, ma personalmente quando vado a vedere un film fantastico/fantascientifico non sto esageratamente a guardare queste cose, lo faccio per ilassarmi e basta che di discorsi e pensieri impegnati e pesanti ne è già abbastanza pieno tutto il resto della giornata ;\)

--
Prendi la vita al minuto, non all'ingrosso.
Sogna come se dovessi vivere per sempre; vivi come se dovessi morire
oggi.


Mallin Shetland@Davide Bianchi Di Mallin Shetland - postato il 10/02/2010 11:12

> Il vantaggio di linkare TvTropes e' che una volta di la' ci passerete delle ore ed eviterete di coprirmi di commenti.

È vero, te possino appennere

--
Mallin Shetland


Riccardo Cagnassobella analisi ma... Di Riccardo Cagnasso - postato il 10/02/2010 11:43

Si, ok, tutto giusto in teoria e sulla carta, ma poi ti guardi DoctorWho (parlo delle serie moderne) e vedi che pur iniziando a londra nel tempo attuale, tutte le leggi della fisica sono sistematicamente non violante, ma proprio ignorate o derise. Gigantesche astronavi che si schiantano nel tamigi senza distruggere londra, il TARDIS in orbita decadente attorno a un buco nero che riesce a scappare, un pianeta che dal nulla appare dietro a un altro senza effetti gravitazionali...

e non te ne importa nulla, la tua "suspension of disbelief" sembra non avere limite, perche'? Perche gli attori sono veri attori, perche' la trama e' scritta bene, perche' le situazioni sono divertenti, perche' i personaggi sono brillanti.

--
Riccardo Cagnasso


Davide Bianchi@ Riccardo Cagnasso Di Davide Bianchi - postato il 10/02/2010 15:50

> perche'? Perche gli attori sono veri attori,

Heeee... no, io direi perche' se lo guardi sei un "fan" della vecchia serie e fingi di essere contento anche se sotto sotto vorresti massacrarli di botte.. almeno, questo e' l'effetto che fa' a me.

--
Davide Bianchi


GiuseppeConcordo... Di Giuseppe - postato il 10/02/2010 11:57

...in toto con l'opinione di D.
La tua affermazione: "Percui quando di colpo passa da Mach 2 a zero in tempo zero il piccolo scienziato nella mia testa si ribella."
Mi ricorda vagamente il secondo episodio della prima serie di The Big Bang Theory:

"Sheldon: No, no. Let’s assume that they can. Lois Lane is falling, accelerating at an initial rate of 32 feet per second, per second. Superman swoops down to save her by reaching out two arms of steel. Miss Lane, who is now traveling at approximately 120 miles an hour, hits them and is immediately sliced into three equal pieces."

http://fuckyeahsheldonpenny.tumblr.com/post/361844506/aconstantache-fujiidom-leonard-if-you-dont

--
Giuseppe


Cobra78errata corrige Di Cobra78 - postato il 10/02/2010 13:59

mi è rimasto un pezzo di discorso nella tastiera, la frase corretta era "Rodenberry ha ammesso che col teletrasporto hanno un tantino esagerato"

--
Cobra78


PalinHP e la giratempo Di Palin - postato il 10/02/2010 14:23

@davide
In Harry Potter usare la giratempo per tornare a prima della morte dei genitori di Harry Potter non solo sarebbe difficilissimo (Voldemort allora È il mago più potente del mondo), ma non potrebbe evitarne la morte. Infatti in HP le morti sono definitive, e le Maledizioni Senza Perdono sono tali proprio perché irreversibili in ogni modo (compresi i viaggi nel tempo).

Purtroppo per la Rowling, le incongruenze in HP sono ben altre :\)

--
Palin


Davide Bianchi@ Palin Di Davide Bianchi - postato il 10/02/2010 15:51

> non solo sarebbe difficilissimo (Voldemort allora È il mago più potente del

...sento rumore di unghie sugli specchi...

--
Davide Bianchi


Andrea Ballarati@ Davide Bianchi Di Andrea Ballarati - postato il 11/02/2010 10:56

> > non solo sarebbe difficilissimo (Voldemort allora È il mago più potente del
>
> ...sento rumore di unghie sugli specchi...

E' che il tema dei viaggi nel tempo è scivolosissimo ed è difficile mantenere un minimo di coerenza specialmente se si ammettono i viaggi nel passato.

--
Andrea Ballarati


Angkarn@ Palin Di Angkarn - postato il 12/02/2010 20:35

> @davide
> Purtroppo per la Rowling, le incongruenze in HP sono ben altre :\)

Vero, ce ne sono molte altre. Ad ogni modo, sulle giratempo c'è da dire un paio di cose: anche la Rowling si è resa conto della pericolosità di simile elemento magico nella sua ambientazione, dunque nel quinto episodio ha fatto sì che tutte le giratempo esistenti andassero distrutte. Proprio per evitare che diventassero un sistema per risolvere ogni casino.

Aggiungo però che nel terzo libro, le Giratempo permettono di tornare indietro di un'ora per ogni giro che gli si fa fare. Hai voglia a tornare indietro di 13 anni per salvare i genitori di Harry...

--
Angkarn


Davide Bianchi@ Angkarn Di Davide Bianchi - postato il 13/02/2010 10:29

> che tutte le giratempo esistenti andassero distrutte.

Sento rumore di unghie che scivolano sugli specchi...

> indietro di un'ora per ogni giro che gli si fa fare. Hai voglia a tornare indietro di 13 anni per salvare i genitori di Harry...

Sai, esistono queste cose non-magiche che si chiamano MOTORI ELETTRICI...
a 36.000 giri al minuto quanti minuti ti servono per fare 15 anni? questa altra cosa non-magica chiamata CALCOLATRICE mi dice che ti servono 3 ore e mezza.

--
Davide Bianchi


Claiudio claiudio@libero.itRadiazione rosse ? Di Claiudio claiudio@libero.it - postato il 10/02/2010 20:47

@Altro Anonimo Codardo
"Ad esempio , identificare le radiazioni con il rosso"
E guarda un pò, invece sui Simpson viene utilizzato il verde.
Di per se, le radiazioni sono INCOLORI.

"Ad Hiroshima e Nagasaki vi sono ancora dei pezzi delle vecchie città che lo testimoniano ( all'aperto o nei musei )"
Ad Hiroshima e Nagasaki sono impressionate le OMBRE, come su una lastra fotografica. Dove non arrivava la luce, perché coperto da cose o persone, la "lastra" non si impressionava.

"a Cernobyl c'è un'intera area di 30 Km di raggio a testimoniare ciò : la foresta rossa è un esempio http://it.wikipedia.org/wiki/Foresta_Rossa"
Leggendo invece la wikipedia inglese si parla di 10 km^2. I 30 km di raggio sono (l'iniziale ?) zona di esclusione.
Gli alberi sono rossi perché sono morti, non perché la radioattività "è rossa".

"ci sono un sacco di filmati anche su YouTube e moltissimo altro materiale , anche sul sito dell'IAEA."
Ma per favore... Metti qualche link allora. La mia mail è scritta in chiaro.
Non mi risulta che lo Shuttle o le Soyuz diventino rosse perché esposte alle radiazioni dell'universo. Parlo di navicelle, non di astronauti.

--
Claiudio claiudio@libero.it


Anonymous coward@ Claiudio claiudio@libero.it Di Anonymous coward - postato il 11/02/2010 15:40


> E guarda un pò, invece sui Simpson viene utilizzato il verde.
> Di per se, le radiazioni sono INCOLORI.


E certo , i Simpson sono un esempio di un arcinoto filone di fantascienza... ovviamente ....

Poi ... dove sta scritto "identificare ( = rappresentare ) con il rosso le radiazioni" == "le radiazioni sono di colore rosso" ???

La rappresentazione delle radiazioni con il verde non è originale , molto probabilmente riciclata da Hulk , ma il significato del verde potrebbe avere poco a che vedere con le radiazioni , ma essere più attinente alla condizione che induce la trasformazione in Hulk ( mai sentito dire "verde di rabbia" ? )


> Ad Hiroshima e Nagasaki sono impressionate le OMBRE, come su una lastra fotografica. Dove non arrivava la luce, perché coperto da cose o persone, la "lastra" non si impressionava.

Ad Hiroshima e Nagasaki , l'esposizione diretta è stata brevissima ( la durata dell'esplosione ) mentre a Cernobyl il core con il materiale fissile vulcanizzato ha continuato a irraggiare la zona per giorni e anche dopo che l'incendio fu spento , tutta la zona continuò ad essere irradiata direttamente , almeno fino a quando il sarcofago di acciaio e cemento non fu completato.

I danni da fallout risultano invece tuttora incalcolabili ed estesi ben oltre la zona direttamente interessata dall'incidente.

http://it.wikipedia.org/wiki/Disastro_di_%C4%8Cernobyl%27

> Gli alberi sono rossi perché sono morti, non perché la radioattività "è rossa".

http://it.wikipedia.org/wiki/Radioattivit%C3%A0

> Non mi risulta che lo Shuttle o le Soyuz diventino rosse perché esposte alle radiazioni dell'universo. Parlo di navicelle, non di astronauti.

Lo Shuttle e le Soyuz non sono mai andate oltre le fasce di Van Hallen http://it.wikipedia.org/wiki/Fasce_di_van_Allen

e comunque il livello e la natura delle radiazioni presenti nelo spazio sono un po' diverse dalle radiazioni emesse da radionuclidi.

--
Anonymous coward


maaaatteocoerenza Di maaaatteo - postato il 11/02/2010 11:41

Pienamente d'accordo su quanto dici, D.
Per chi ha letto racconti di Asimov e' tutto sottinteso :\)

--
maaaatteo


Rickstiamo tutti dimenticando una cosa... Di Rick - postato il 11/02/2010 18:02

le critiche di Davide alle violazioni della fisica aldifuori di qualsiasi credibilità da parte di iron man sono giuste e sacrosante, ma non tengono conto di un semplice fatto:
IT'S MAAAAAANLY :D
srsly, iron man come tanti altri film, ad esempio 2012, non hanno la benchè minima intenzione di essere coerenti oltre il minimo necessario per tenere vagamente in piedi il setting, li si va a guardare per le esplosioni e le tette, come chiaramente esplicitato in questo utile sito:
http://www.explosionsandboobs.com/
quindi sapendolo prima, perchè lo si sa, è necessario mettersi davanti allo schermo con l'idea di godersi le botte, e difatti rendono il massimo se visti con gli amici. iron man che viene centrato da un proiettile d'artiglieria in quel contesto mi fa dire "wow, figo", in alien penserei "what the f..."

--
Rick


Davide Bianchi@ Rick Di Davide Bianchi - postato il 11/02/2010 18:39

> iron man che viene centrato da un proiettile d'artiglieria in quel contesto mi fa dire "wow, figo", in alien penserei "what the f..."

Si', tu puoi invocare la 'rule of cool', ma a me non mi basta, fondamentalmente perche' non lo considero abbastanza "cool".

--
Davide Bianchi


alessio dpresta il fatto che iron man è una cxgxta di film Di alessio dp - postato il 12/02/2010 05:38

infatti menntre per spider man hanno fatto 1 2 3
batman 1 2 3 4 5 6 7 8 etc etc
superman non ne parliamo...
iran man si è fermato ad 1....per fortuna...
punto.

--
alessio dp


20 messaggi this document does not accept new posts

Precedente Successivo


Il presente sito e' frutto del sudore della mia fronte (e delle mie dita), se siete interessati a ripubblicare uno degli articoli, documenti o qualunque altra cosa presente in questo sito per cortesia datemene comunicazione (o all'autore dell'articolo se non sono io), cosi' il giorno che faccio delle aggiunte potro' avvisarvi e magari mandarvi il testo aggiornato.


Questo sito era composto con VIM, ora e' composto con VIM ed il famosissimo CMS FdT.

Questo sito non e' ottimizzato per la visione con nessun browser particolare, ne' richiede l'uso di font particolari o risoluzioni speciali. Siete liberi di vederlo come vi pare e piace, o come disse qualcuno: "Finalmente uno dei POCHI siti che ancora funzionano con IE5 dentro Windows 3.1".

Web Interoperability Pleadge Support This Project
Powered By Gort