Commenti & Opinioni


Home Page | Commenti | Articoli | Faq | Documenti | Ricerca | Archivio | Storie dalla Sala Macchine | Contribuire | Login/Register

E poi cosa? Godzilla?

Ok, comincia tutto con un terremoto. Uno di quelli grossi, che continua per circa 2 minuti e produce relativamente pochi danni dato che la maggioranza degli edifici sono progettati per resistere ad una cosa simile.

Quello che gli ingegneri non avevano previsto era il successivo Tzunami (provocato dallo stesso terremoto) che ha semplicemente spazzato via circa 3 Km di terreno dalla costa all'interno e tutto quello che vi si trovava. Ora, la maggioranza degli edifici "antisismici" sono appoggiati su "piatti" di metallo che consentono all'edificio di muoversi in modo piu' o meno indipendente dal terreno evitando i danni piu' grossi delle scosse... ma questo vuole anche dire che quando un'ondata di circa 4 Mt di altezza passa, non c'e' niente che tenga l'edificio ancorato al terreno...

Il risultato e' visibile in tutti i giornali credo.

Dopo di che, un paio di centrali nucleari hanno cominciato a non sentirsi troppo bene... devo supporre che avere i generatori di emergenza immersi nell'acqua di mare per troppo tempo non faccia troppo bene. Poi salta fuori che uno di questi reattori era anche "sperimentale" ed apparentemente funzionava con un mix di uranio e plutonio.

Ed adesso pare che anche un vulcano ci si sia messo in mezzo...

Aspetto con ansia il giornale di domani, che probabilmente titolera' "Godzilla sta facendo un casino a Tokyo"... o magari un enorme robot alieno...

Davide Bianchi
14/03/2011 08:58

 

I commenti sono aggiunti quando e soprattutto se ho il tempo di guardarli e dopo aver eliminato le cagate, spam, tentativi di phishing et similia. Quindi non trattenete il respiro.

Nessun messaggio this document does not accept new posts

Precedente Successivo


Il presente sito e' frutto del sudore della mia fronte (e delle mie dita), se siete interessati a ripubblicare uno degli articoli, documenti o qualunque altra cosa presente in questo sito per cortesia datemene comunicazione (o all'autore dell'articolo se non sono io), cosi' il giorno che faccio delle aggiunte potro' avvisarvi e magari mandarvi il testo aggiornato.


Questo sito era composto con VIM, ora e' composto con VIM ed il famosissimo CMS FdT.

Questo sito non e' ottimizzato per la visione con nessun browser particolare, ne' richiede l'uso di font particolari o risoluzioni speciali. Siete liberi di vederlo come vi pare e piace, o come disse qualcuno: "Finalmente uno dei POCHI siti che ancora funzionano con IE5 dentro Windows 3.1".

Web Interoperability Pleadge Support This Project
Powered By Gort